Nel cuore della Corsica

9 giugno, diciannovesimo giorno di #teatrosu2piedi
(in Corsica, da Bastia a Olmi Cappella)

>>> Leggi il terzo racconto di Andrea Porcheddu <<<

Il miglior modo per andare dall’Italia alla Francia è senza dubbio passare per la Corsica. Non solo geograficamente. I corsi assomigliano agli italiani, parlano italiano, si sentono italiani. Ma sono francesi. Non è questo il luogo per ripercorrere le vicende storiche dell’isola, mi basta soffermarmi sulla quasi ovvietà (!) del nostro percorso in mare da Livorno alla Corsica a Marsiglia.

l'arrivo dal mare

l’arrivo dal mare

Arriviamo dal mare – ovviamente! – nel porto di Bastia. Un autobus ci viene a prendere e ci porta verso il piccolo paese di Olmi Cappella, 198 abitanti quasi a mille metri sopra il livello del mare. Il paesaggio si fa subito angusto e affascinante. Attraversiamo la Corsica, la scopriamo selvaggia come non mai. I boschi sono fitti, le mucche al pascolo sulla strada ci guardano impaurite. Non incontriamo anima viva per chilometri.

verso Olmi Cappella

verso Olmi Cappella

Arriviamo nel luogo dove mangeremo e dormiremo: l’imponente edificio Battaglini costruito nel 1902 grazie al dono di un abitante che aveva fatto fortuna in Egitto. Nell’edificio c’è la foresteria, la mensa, la scuola, la sede del Comune, l’ufficio turistico e la Posta. Prendiamo possesso delle camerate.

l'edificio Battaglini

l’edificio Battaglini

Ci accolgono due signore de L’ARIA, associazione che si occupa di educazione e formazione per la creazione teatrale. L’associazione è stata fondata nel 1998 dall’attore e regista francese Robin Renucci, ha un stagione teatrale e realizza laboratori tutto l’anno.
Mangiamo alla mensa e ci dirigiamo verso il teatro: tre chilometri a piedi immersi nel verde, nella frazione di Pioggiola. Dopo circa un chilometro di cammino individuiamo nel verde un enorme cubo di legno. Ci avevano parlato dell’originalità della struttura ma avvicinandosi restiamo sbalorditi.

Corsica selvaggia

Corsica selvaggia

Inaugurato nel 2010, il Theatre A Stazzona (la Forge) è uno spazio scenico polivalente e multifunzionale. E’ destinato principalmente alla formazione (teatro, circo, hip hop e molto altro). La sala principale è di 420 metri quadrati, ci sono gli spogliatoi, la sala prove, gli uffici de L’ARIA.

Theatre A Stazzona

Theatre A Stazzona

E’ un luogo incredibile e vivo, prima di noi c’è un laboratorio di giovanissimi acrobati che faranno una breve sfilata prima del nostro spettacolo. Intanto il sole è spuntato e accentua le sagome delle montagne che fanno da cornice al teatro. Vette innevate fino a tremila metri.

Theatre A Stazzona

Theatre A Stazzona

Facciamo spettacolo “au chapeau” , il primo per un pubblico francese, alle 18. C’è un buon afflusso di pubblico che se ne va divertito.

Applausi

Applausi

Andiamo a cena nel ristorante attiguo: ottimi i vini locali (di Calvi), c’è chi sceglie il bianco chi invece preferisce il rosè. Anche i dolci saranno molto apprezzati. Su tutti la Tarte Tatin tipica francese. Sulla via del rientro c’è anche il tempo di fare una breve sosta all’Osteria del paese dove un simpatico giovane originario delle Isole Reunion (!) ci serve un liquore alla prugna “du maison”. [sp]

Applausi

Applausi

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Nel cuore della Corsica

    • attraverso le tue parole sono con tutti voi…belli e bravi! continuate così,aspetto il racconto dal vivo al vostro rientro..un bacio a tutti Mariarosa,met!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...